Costruzione e Certificazione


Il “Know How” raggiunto ha permesso di sviluppare e realizzare gran parte delle apparecchiature dedicate ai servizi offerti da Italfluid e dalle altre Società ad essa collegate in Italia ed all’estero.
Grazie al coordinamento con altri reparti, l’Azienda è in grado di costruire attrezzature in tempi ridotti. L’elevata qualità è garantita dalla certificazione dell’azienda secondo le norme ISO 9001 e dall’ottenimento del Modulo H “Garanzia Qualità Totale” (Certificato del Sistema Qualità in accordo con la Direttiva 97/23/CE – PED) che permette la certificazione autonoma di apparecchi a pressione fino alla IIIa categoria.

Le attività di officina prevedono la saldatura, la molatura, la lavorazione con macchine utensili, la verniciatura, gli assemblaggi meccanici, i trattamenti di distensione termici e i controlli non distruttivi (CND).

Certificazione

Controllo spessimetrico agli ultrasuoni

Controllo spessimetrico agli ultrasuoni

Il Reparto Verifiche e Certificazioni cura l’aspetto normativo essenziale per una corretta realizzazione delle apparecchiature internamente all’azienda e per il reperimento sul mercato di componenti e/o unità complete idonee.

Il reparto ha maturato nel corso degli anni una conoscenza profonda delle direttive che regolano la costruzione di apparecchi a pressione (Direttiva 97/23/CE PED e relative norme tecniche) e di unità che possono essere impiegate in presenza di atmosfera potenzialmente esplosiva (Direttiva 94/9/CE ATEX).

L’Ufficio, di concerto con il reparto di Ingegneria, assicura che i materiali e i componenti impiegati siano sempre congrui con la destinazione dell’apparecchio da realizzare. Tale obbiettivo si persegue attraverso un controllo degli stessi che inizia in fase d’ordine e prosegue fino al momento del loro utilizzo.

Tra i compiti del reparto vi è un costante controllo del processo produttivo finalizzato al rispetto sia della normativa di legge che delle procedure interne e/o delle direttive del cliente, queste ultime qualora presenti.

Tale sorveglianza si attua mediante la compilazione di “schede di lavorazione” e grazie a un costante controllo del processo produttivo che si estrinseca, a seconda dei reparti interessati, nella verifica, per esempio, dell’utilizzo delle corrette procedure di saldatura nel reparto di caldareria o nei controlli dimensionali nel reparto di tornitura e consiste, più in generale, nell’organizzazione di tutti i controlli (distruttivi e non) sulle apparecchiature prodotte.

Infine il reparto supervisiona e organizza tutta la documentazione necessaria per la certificazione delle unità prodotte e, qualora sia necessario, per la loro messa in servizio.

  • ISO 9001 CE
  • PED Mod. H (max III Cat)
  • ATEX

Caldareria e carpenteria

Saldatura a Tig

Saldatura a Tig

Il reparto è specializzato nella costruzione di apparecchiature come separatori, termocombustori heater, ecc, e nella realizzazione del piping con diverse connessioni, generalmente a martello che l’Azienda utilizza nei propri servizi.

La sezione è composta da operatori qualificati secondo le norme ISO 15614 e ASME IX i quali collaborano nella realizzazione e nell’assemblaggio dei componenti e delle apparecchiature.

La caldareria si occupa della costruzione delle apparecchiature a pressione con rating fino a 15000 psi, mentre la carpenteria provvede alle strutture e agli equipaggiamenti a corredo.

La costruzione è eseguita rispettando scrupolosamente sia il progetto, sia le normative di saldatura dei metalli (acciai al carbonio e basso legati).

Sono a disposizione degli operatori:

  • Centri di saldatura fissi (TIG, MIG ed ELETTRODO)
  • Postazioni di taglio plasma
  • Postazioni di saldatura mobili

corredate da cianfrinatrici, forni per il condizionamento degli elettrodi, mole e trapani.

Il reparto dispone di un forno dalle dimensioni utili di 2×3,4×2 m, utilizzato per il trattamento termico di distensione dopo saldatura.

Torneria

Lavorazioni su macchina a controllo numerico

Lavorazioni su macchina a controllo numerico

Il reparto di torneria è composto da operatori qualificati e di esperienza decennale nel settore ed operano su macchine e torni sia manuali che a controllo numerico.

  • Tornio a controllo numerico: CNC BIGLIA B 1000/8
  • Centro di lavoro a controllo numerico: FAMUP MCX700
  • Tornio parallelo EGITAL: max. dim. tornibili = 700 mm x 2000 mm
  • Tornio parallelo TORGIM T-450: max dim. = 900 mm x 3000 mm
  • Tornio parallelo AL-PIN 200: max dim.  = 400 X 1500 mm
  • Tornio parallelo EMCO a controllo numerico Maxxturn 95, banco 1000 mm
  • Tornio parallelo CMT URSUS 250: max dim. = 500 x 1600 mm
  • Fresa LAGUN: a banco fisso con posiz. Digitale – dim. x = 1600; y=850; z=750 mm
  • Fresa a mensola ITAMA: max dim. in foratura 40 mm, in asportazione 25 mm
  • Trapano a colonna STANKO: max dim. = 70 mm
  • Trapano da banco SERRMAC: forature e filettature di precisione, max dim. = 12 mm
  • Trapano da banco DRILL: max dim. = 35 mm
  • Sega a nastro manuale COMESA 230: max dim. segabile 230 mm
  • Sega alternativa SCORTEGAGNA: max dim. = 320 mm
  • Sega a nastro a controllo numerico OPUS: max dim. = 340 mm
  • Sega a nastro orizzontale automatica COMESA MDO 28A: max dim. = 200 mm
  • Troncatrice lenta SUPERBROWN
  • Pressa idraulica OMNC: 100 ton

Il reparto è dotato di strumenti per effettuare verifiche sui pezzi in lavorazione con durometri, calibri, micrometri interni (5-200 mm) ed esterni (0-200 mm).

Italfluid dispone anche di macchinari fuori standard come ad esempio il tornio a controllo numerico con passaggio barra Φ 8” che permette di costruire gran parte dei componenti utilizzati in ambito petrolifero.

Il reparto è periodicamente aggiornato con l’acquisto di macchinari in linea con le moderne tecniche di produzione che permettono la costruzione di componenti con alti standard qualitativi e la riduzione dei tempi lavorativi.

Tale aspetto è migliorato dalla costante disponibilità di pezzi di ricambio dei macchinari e degli utensili adoperati, in un’area dedicata del magazzino.

Il reparto è specializzato nella realizzazione di attrezzature con rating fino a 15000 psi come:

  • Data header e manifold con costruzione di tipo “integrale”
  • Giunti a martello con diametro nominale da Φ 2” a Φ 6”, fig. 602, 1002, 1502 e metal seal
  • Valvole a spillo con diametro nominale da Φ 1/2” a Φ 3”
  • Valvole a sfera con diametro nominale fino a Φ 4”
  • Dusi variabili con diametro nominale Φ3” 1/8 e Φ 2” 1/16
  • Duse di tipo long nose
  • Esecuzione di filettature di tipo
    • NPT
    • LINE PIPE
    • ACME
    • STUB ACME
    • WHITWORTH
    • METRICI
    • AMERADA
  • Riser con connessioni di tipo flangiato o con giunto Bowen, saldati o integrali
  • Adattatori per connessioni di testa pozzo di diverso tipo e diametro
  • Attrezzature e strumenti vari per servizi di coiled tubing.